frittelle di riso
ricette facili RICETTE SICILIANE

CRISPELLE DI RISO

rispedii di riso

Le crispelle di riso siciliane sono le piu buone del mondo, dette anche zeppole di San Giuseppe), sono dei tipici dolci fritti catanesi, a base di riso, che vengono generalmente preparati nel periodo di San Giuseppe (19 marzo), tanto da essere un dolce tipico della festa del papà. Nel resto della Sicilia sono note anche come zeppole di riso. Essendo dei dolcetti fritti siciliani, e per quanto se ne voglia si dice che a carnevale ogni fritto vale, ho voluto prepararli con un po di anticipo, e quindi per carnevale🥰

Le “zeppole di riso”, sono una delle tante versioni di frittelle (sfinci o sfince in siciliano) che si usano fare in Sicilia. Inventate dalle monache del Monastero dei Benedettini di Catania nel XVI secolo e per questo chiamate anche anche “crespelle di riso uso benedettini” o “benedettine”, queste deliziose frittelle di riso aromatizzate all’arancia e cosparse di miele, che io in questa variante non ho messo. Io le ho aromatizzate alcune al limone alcune all´arancia❤️.

Ingredienti

Per cuocere il riso

  • 1,200 Ml di acqua
  • 500 g di riso a chicco tondo (carico di amido)
  • un pizzico di sale

Per l`impasto

  • 500 g di riso cotto
  • 500 g di farina 00
  • 450 Ml di latte
  • la scorza di un limone biologico grattugiata
  • la scorza di un arancia biologica grattugiata
  • una bustina di lievito per dolci
  • 3 tuorli
  • zucchero vanigliato

Per friggerle

  • 1, 5 L di olio di semi di girasoli
  • zucchero semolato per la panatura

Cottura: fritti

Friggere io olio di semi di girasole o di arachide , l´olio deve essere bollente.

Troverete il procedimento spiegato passo dopo passo nella video ricetta

Chi siamoLacucinadelcuore

Mi chiamo Laura , nata nell´anno 1984 , nata e cresciuta in Sicilia , in un piccolo paese della provincia di Catania. All´età di 21 ani mi sono trasferita in Germania dove vivo con la mia famiglia , mio marito e i miei figli, amo cucinare e specialmente preparare dolci e lievitati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *