Mostra 12 risultato/i
cicuiliu cu l´ova
RICETTE SICILIANE

CICIULIU CU L´OVA

Ciciuliu cu l´ova possono essere chiamati anche accedi cu l´ova, pupi ci l´ova, o cuddureddi. A seconda della zone diverse zone dove si preparano, i ciciuliu cu l´ova possono prendere diversi nomi. I ciciuliu cu l´ova sono dei biscotti di pasta frolla siciliana, adornati da cordoncini e fiori e ultimati con uva sode. Si preparano …

RICETTE SICILIANE

MINNUZZI DI SANT´AGATA

Le minnuzze di Sant`Agata sono dei deliziosi dolcetti di ricotta e Pan di Spagna ricoperti da una golosissima pasta di mandorla e una glassa di zucchero Dal 3 al 5 febbraio, Catania dedica alla Santa una grande festa, misto di fede e folklore. Ovviamente dietro una grande festa c´è sempre la tradizione di un grande dolce ed ecco le MINNE di …

pane e panini ricette facili RICETTE SICILIANE

Focaccia farcita siciliana alta e soffice

video ricetta

La focaccia senza impasto più buona del mondo

La focaccia farcita è una delle più soffici focacce che si possono preparare senza impastare e in soli pochi minuti. Questa torta salata si prepara infatti con un impasto molto idratato, che viene realizzato semplicemente mescolando tutti gli ingredienti in una ciotola. Io però per rendere la mia faccia ancora più alta e soffice mi sono servita della mia amata Kenwood utilizzando da prima il gancio a foglia e poi quello a spirale.

Hai già letto la ricetta delle Brezel , cosa aspetti a farlo, sono buoni

Questa focaccia senza impasto la preparano per lo più nelle zone di Palermo e molti la chiamano mattonella, che un po differente dalla mia perche la mattonella palermitana si presenta più bassa ed ha un impasto molto meno idratato, ovviamente come si può percepire dal nome la forma della mattonella palermitana è rettangolare ma io mi sono ispirata a quella per realizzare questa focaccia farcita.

Ingrediente per una focaccia di 28-30 cm di diametro

Per L`impasto

  • 500 g di farina 00
  • 400 Ml di latte a temperatura ambiente
  • 30 g di zucchero semolato
  • 40 Ml di olio extra vergine di oliva
  • 12 g di sale
  • 5- 10 g di lievito di birra

Per il ripieno

  • Ragù alla bolognese quanto basta
  • 130 g di provola dolce
  • 4-5 fette di prosciutto cotto
  • 2 cucchiai di grana padano

Procedimento

  1. Sciogliere il lievito e lo zucchero in 100 ml di latte nella vostra ciotola della planetaria (se volete potete impastare a mano)
  2. Inserire tutta la farina
  3. iniziare a fare impastare con la frusta a foglia
  4. inserire il restante latte poco alla volta , e aspettare di inserire l´altro sono dopo che la farina avrà assorbito il precedente, fino a che non avrete terminato tutto il latte
  5. quando la farina avrà assorbito tutto il latte aggiungere a filo l´olio , sempre poco alla volta
  6. aggiungere anche il sale
  7. cambiare la frusta a foglia con il gancio a spirale e lasciate impastare a velocità 2 per ancora 5-6 minuti (ci vorranno in tutto 16-18 minuti)
  8. Trasferire l´ impasto su una spianatoia unta di olio extravergine d’oliva e fare delle pieghe
  9. formare una palla e coprire con una ciotola per 30 minuti
  10. riprendere il vostro impasto e formare altre pieghe, cosi da dare più forza
  11. coprite nuovamente con la ciotola e lasciate riposare per ulteriori 30 minuti quindi formare la vostra focaccia
  12. dividere l´ impasto in due parti uguali
  13. foderare una placca da forno con della carta da forno ed ungere con lo staccante spray un cerchio contenitivo del diametro di 28-30 cm (se non avete lo staccante spray utilizzate l´ olio
  14. stendete metà dell impasto nella placca da forno
  15. farcire con il ragù alla bolognese avendo l´ accortezza di lasciare 2 cm dai bordi
  16. mettere le fette di prosciutto
  17. aggiungere la provola dolce
  18. spolverizzare di grana padano e qualche cucchiaiata ancora di ragù
  19. stendere l ´altra metà di impasto e coprire la focaccia
  20. premere sui bordi cosicché aderiscano bene
  21. spolverizzare con dei semi di sesamo e premere sopra cosicché aderiscano bene
  22. coprire con pellicola trasparente e lasciate lievitare fino al raddoppio in un posto al calduccio , io lo metto nel forno spento con la luce accesa
  23. cuocere

Cottura in forno

Cuocere in forno a 180 gradi, infornare da forno spento cosi che continui la lievitazione in forno, per circa 35-40 minuti, fate la prova stecchino ai bordi della vostra focaccia, se esce umido lasciatela ancora per qualche minuto.

focaccia farcita

Troverete il procedimento spiegato passo dopo passo anche nella video ricetta qui di seguito

frittelle di riso
ricette facili RICETTE SICILIANE

CRISPELLE DI RISO

rispedii di riso

Le crispelle di riso siciliane sono le piu buone del mondo, dette anche zeppole di San Giuseppe), sono dei tipici dolci fritti catanesi, a base di riso, che vengono generalmente preparati nel periodo di San Giuseppe (19 marzo), tanto da essere un dolce tipico della festa del papà. Nel resto della Sicilia sono note anche come zeppole di riso. Essendo dei dolcetti fritti siciliani, e per quanto se ne voglia si dice che a carnevale ogni fritto vale, ho voluto prepararli con un po di anticipo, e quindi per carnevale🥰

Le “zeppole di riso”, sono una delle tante versioni di frittelle (sfinci o sfince in siciliano) che si usano fare in Sicilia. Inventate dalle monache del Monastero dei Benedettini di Catania nel XVI secolo e per questo chiamate anche anche “crespelle di riso uso benedettini” o “benedettine”, queste deliziose frittelle di riso aromatizzate all’arancia e cosparse di miele, che io in questa variante non ho messo. Io le ho aromatizzate alcune al limone alcune all´arancia❤️.

Ingredienti

Per cuocere il riso

  • 1,200 Ml di acqua
  • 500 g di riso a chicco tondo (carico di amido)
  • un pizzico di sale

Per l`impasto

  • 500 g di riso cotto
  • 500 g di farina 00
  • 450 Ml di latte
  • la scorza di un limone biologico grattugiata
  • la scorza di un arancia biologica grattugiata
  • una bustina di lievito per dolci
  • 3 tuorli
  • zucchero vanigliato

Per friggerle

  • 1, 5 L di olio di semi di girasoli
  • zucchero semolato per la panatura

Cottura: fritti

Friggere io olio di semi di girasole o di arachide , l´olio deve essere bollente.

Troverete il procedimento spiegato passo dopo passo nella video ricetta

RICETTE SICILIANE

Le paste Genovesi di Erice

video ricetta

Ciao a tutti amici oggi vi propongo la ricetta di un dolce tipico siciliano davvero delicatissimo.
Le paste Genovesi sono originarie della zona di Erice ma ormai diffuse anche in altre zone della Sicilia, sono fagotti realizzati con una pasta frolla friabilissima che si scioglie in bocca, e ripiene di crema pasticciera o di ricotta.

Le genovesi di Erice: dolci tipici del borgo ericino, sono dolci di pasta frolla con all’interno una delicata crema pasticcera e, per finire, una spolverata di zucchero a velo.

Ingredienti per circa 25 genovesi mignon

  • 500 g di farina 00
  • 120 g di burro a temperatura ambiente
  • 100 g di zucchero
  • 1 uovo (misura L)
  • 1 tuorlo
  • 4 cucchiai di latte
  • estratto di vaniglia
  • la scorza grattugiata di un limone biologico
  • la scorza grattugiata di un arancia biologica
  • 10 g di miele di acacia
  • 10 g di ammoniaca per dolci
  • 2 g di sale

Per la crema pasticcera

  • 250 g Ml di latte
  • 1 tuorlo
  • 70 g di zucchero semolato
  • 22 g di amido di mais
  • estratto di vaniglia
  • la scorza di mezzo limone biologico

Procecimento per la crema pasticciera con la kenwood cookieng chef

  1. mettere tutti gli ingredienti nella ciotola di acciaio inox ad induzione della planetaria
  2. montare la frusta flexi
  3. accendere la planetaria ad una temperatura a 90 gradi velocità di mescolamento 1
  4. in meno di 6 minuti la crema si sarà addensata
  5. spegnere la temperatura
  6. premere il pulsante P (pulse) azionare la velocità di mescolamento 3 e fare raffreddare la crema fino a che non raggiunga un una temperatura inferiore ai 50 gradi (come segnalato dal display )
  7. mettere la crema in una sac a poche con bocchetta liscia da 11 mm e riporla in frigo

Procedimento per la frolla

  1. Montare il burro con lo zucchero, il sale e gli aromi fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso
  2. sbattere le uova con il latte
  3. aggiungere le uova e il latte a filo nella massa di butto e zucchero
  4. setacciare la farina e l´ammoniaca e aggiungerle alla massa poco alla volta e fare impastare solo il tempo. che si siano amalgamate le polveri
  5. formare un panetto e lasciare riposare in frigo per un ora
  6. riprendere la frolla dal frigo e formare le genovesi come spiegato nella video ricetta che troverete qui sotto

Cottura in forno

Prima della cottura riporre le genovesi in frigo per mezzo´ora o in congelatore per un 15 minuti , cosi manterranno la forma, quindi cuocere in forno preriscaldato a 200 gradi per circa 15 minuti

Genovesi alla ricotta

Troverete il procedimento spiegato passo dopo passo nella video ricetta

ricette facili RICETTE SICILIANE

Carciofi ripieni e fritti come li prepariamo in Sicilia

video ricetta

Ciao a tutti amici, oggi vi propongono doppia ricetta, la ricetta dei carciofi sia fritti che ripieni come li prepariamo noi in Sicilia.

Il carciofo (Cynara scolymusL.) è una pianta della famiglia Asteraceae coltivata in Italia e in altri Paesi per uso alimentare e, secondariamente, medicinale.

Io sono cresciuta tra i carciofi nella mia zona se ne coltivano davvero tanti, e vi devo dire che i carciofi ripieni sono i preferiti miei e di mio figlio Vincenzo

Ingredienti

Per i carciofi ripieni

  • 5 carciofi di medie dimensioni
  • 100 g di pangrattato
  • 1 cucchiaio di prezzemolo
  • 1 spicchio di aglio privato di anima
  • q.b. di sale
  • 100 g di provola dolce o formaggio primo sale
  • 40 g di parmigiano reggiano o grana o pecorino
  • 3 uova della misura L
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • q.b acqua

Per fare I carciofi fritti

  • carciofi tagliati a metà
  • q.b di sale
  • .qb. di pepe nero
  • prezzemolo tritato
  • olio extravergine di oliva q.b
  • q.b di acqua

Procedimento per i carciofi ripieni

  1. Iniziate lavando sotto l´acqua corrente i vostri carciofi e nel frattempo sbatteteli su un tagliere in modo da farne uscire tutte le impurità che ci sono allinterno, ovviamente nella video ricette vedrete bene come fare
  2. Private I vostri carciofi delle foglie esterne più coriacee
  3. tritare la provola o il formaggio che utilizzate
  4. tritate l´aglio molto finemente
  5. impastate a mano il pangrattato insieme a l´aglio, il prezzemolo, il parmigiano, la provola le uova il sale e il pepe
  6. Iniziarte a riempire i vostri carciofi partendo dalinterno verso lesterno allargando le foglie e inserendo il ripieno
  7. mettete tutti stretti fra loro i carciofi dentro una pentola
  8. inserite lacua fino a coprire per metà i carciofi e coprite con un coperchio
  9. Accendete a fiamma alta fino a che lacqua non arrivi a bollore
  10. abbassate la fiamma e cuocete a fuoco moderato
  11. trascorsi 30 minuti provate a tirare una foglia e se si tira facilmente eliminate l´acqua in eccesso

Procedimento per i carciofi fritti

  1. Iniziate lavando sotto l´acqua corrente i vostri carciofi e nel frattempo sbatteteli su un tagliere in modo da farne uscire tutte le impurità che ci sono all`interno, ovviamente nella video ricette vedrete bene come fare
  2. Private I vostri carciofi delle foglie esterne più coriacee e tagliatele a metà
  3. disponetele su una padella antiaderente, con la parte tagliata verso l` alto
  4. aggiungete l`acqua fino a coprire Meta´ della base del carciofo
  5. salate i vostri carciofi e anche l´acqua
  6. coprite con un coperchio
  7. fateli cuocere a fiamma alta fino a che l´acqua non arrivi a bollore e abbassate la fiamma cuocendoli a fiamma media
  8. trascorsi 30 minuti provate a tirare una foglia e se si tira facilmente eliminate l´acqua in eccesso
  9. Unite un po di olio extravergine d’oliva e aumentate la fiamma
  10. friggete i vostri carciofi per un paio di minuti per lato e servite

I tempi di cottura sono indicativi a seconda della qualità dei carciofi che andrete ad utilizzare

Troverete roverete il procedimento spiegato passo dopo passo nella video ricetta

brioche co zuccuru
cucina pane e panini ricette ricette facili RICETTE SICILIANE

Brioche Cò Zuccuru

video ricetta

TRECCINE DOLCI RICETTA SICILIANA

Brioche cò zuccuru sono le brioche che ricordano l´infanzia di molti siciliani, tra cui la mia.

Infatti da piccoli i nostri genitori, ci compravano le brioche cò zuccuru prima di andare a scuola, ed era la merenda più amata.

Una brioche dolce morbida e soffice che è stata la mia merenda della mia infanzia, e credo anche quella di molti altri di voi. Mia mamma prima che io andassi a scuola me le comprava dal panettiere ambulante che passava ogni mattina suonando il clacson all´impazzata per fare capire che era sotto la porta.

La treccina dolce o brioche cò zucchero è un lievitato di pasta brioche sofficissima, ricoperta di zucchero semolato. È un prodotto tradizionale siciliano da forno adatto per la colazione, in tutta la Sicilia.

Spero che la ricetta vi piaccia e vi sia utile e vi ricordo che se rifate le mie ricette potete inviarmi le foto su istagram, Pinterest e Facebook.

Inoltre su Telegram potete chattare in tempo reale con me per qualsiasi delucidazione sulle ricette.

Se vi interessano altre ricette siciliane potete trovale qui 👉 ricette siciliane

Ingredienti che ci occorrono per circa 10 treccine sono:

  • 320 ml di Latte a temperatura ambiente
  • 120 g di zucchero semolato
  • 20 g do Miele di acacia
  • 20 g si lievito di birra (o anche meno se avete più tempo)
  • 575 g di farina 00
  • 120g di burro
  • Un pizzico di sale
  • Estratto di vaniglia
  • Un po‘ di latte da spennellare prima della cattura
  • Zucchero semolato e acqua quanto basta per la finitura.

Procedimento

  1. sciogliete il latte insieme allo zucchero il miele e il lievito nella ciotola della vostra planetaria
  2. coprite con un canovaccio pulito e lasciate fermentare per 10-15 minuti
  3. aggiungete tutta la farina e il burro e lasciate impastare per 8 minuti
  4. aggiungete il sale e continuate a fare impastare a velocità 2 fino ad ottenere un impasto bello elastico
  5. trasferitevi sulla spianatoia e iniziate a porzionare l` impasto con dei pezzi da 80 g e dei pezzi di 40 g
  6. formate dei cordoncini, uno più lungo e l´ altro più corto
  7. iniziate a formare le freccine mettendo il cordoncino più piccolo al centro di quello più grande e fate la treccia come si fa per i capelli
  8. posizionate le vostre freccine sulla placca da forno (con carta da forno)
  9. coprite con un canovaccio pulito e lasciatele lievitare fino al raddoppio ci vorranno 2 ore circa
  10. spennellate con del latte e mettete in forno a 180 gradi forno statico per circa 15 minuti (non fatele cuocere troppo altrimenti si seccano, devono rimanere chiare
  11. ancora calde spennellate con dell`acqua e passate nello zucchero semolato
  12. lasciate intiepidire e buona merenda alla siciliana ❤️

COTTURA IN FORNO

FORNO STATICO PRERISCALDATO A 180 GRADI PER CIRCA 15 MINUTI

Troverete il procedimento cliccando nella video ricetta

cucina ricette ricette facili RICETTE SICILIANE

SFINCE O SFINCI DI PATATE SICILIANE

video ricetta

Il nome della Sfincia (in dialetto SPINCIA), deriva dal latino sponcia, ovvero spugna. Questo nome ha origine dalla particolare forma di questo dolce, che si presenta come una frittella morbida e dalla forma irregolare, con il buco o rotonda. Dal 1990 si svolge a Custonaci  (provincia di Trapani) una sagra dedicata alla Spincia.

Sfinge o spingia

La Sfincia è un dolce fritto tipico diffuso in tutta la Sicilia Occidentale, originariamente prodotto a Palermo, e veniva consumato tradizionalmente il 19 marzo, durante la festa di San Giuseppe, considerata in tutta l’Isola la prima festività della nuova stagione primaverile, oltre che la festa del papà. Col tempo, il prodotto ha perso il legame con la stagione primaverile ed è diventato disponibile al consumo in tutti i giorni dell’anno. Viene preparato specialmente per le feste più tradizionali, come San Martino (11 novembre) a Natale e in molte altre occasioni di festività dove tutta la famiglia si riunisce per i festeggiamenti, che a casa di noi siciliani sono sempre molto numerose e ricche di ogni ben di Dio.

Come tutte le ricette popolari esistono diverse varianti, infatti quella che vi propongo oggi è la versione che prevede anche l’aggiunta delle patate bollite nell’impasto, ma quella originale prevede un impasto solo a base di acqua o latte, zucchero, farina, tuorli e uova.

L´aggiunta delle patate e l´impasto con il latte rende queste frittelle ancora più soffici e spugnose.

Io oggi vi propongo un impasto base che potete poi decidere di realizzare sia dolce che salato, basterà aggiungere per la spincia dolce dello zucchero e degli aromi come scorzetta di arancia o limone, o addirittura c´é chi aggiunge all´impasto un bicchierino di marsala, e lo arricchisce con uvetta o canditi. Per la Sfincia salata invece basterà aggiustare di sale e pepe, e arricchire con acciughe , sardine, oppure prosciutto o ancora tonno e sono ottime da servire come aperitivo.

Ingredienti per Impasto base

  • 500 g di patate bollite (a pasta dura)
  • 500 g di farina 00
  • 500 ml di latte
  • 10 g di lievito di birra
  • 2 g di zucchero (40 g se li volete fare tutte dolci)
  • un pizzico di sale (6 g se li volete fare tutte salate
  • 3 uova intere della misura L

Per la versione dolce

potete sbizzarrirvi con gli aromi che piu preferite e potete anche arricchire con uvetta o frutta candita

Per la versione salata

Aggiungete nelle quantità che piu preferite filetti di acciughe, tonno, o sardine o prosciutto o salame. Largo spazio alla vostra immaginazione.

Troverete il procedimento cliccando nella video ricetta.

RICETTE SICILIANE

Panelle palermitane

Le panelle sono delle gustose e sfiziose frittelle rotonde fatte di farina di ceci, tipiche di Palermo dove si possono acquistare nelle rosticcerie.
Le panelle a Palermo vengono servite in panini ricoperti con semi di sesamo: il classico pane con le panelle che è il cibo da strada per eccellenza di Palermo.

Le panelle vengono servite soprattutto in mezzo alle Mafalde – o in mezze a dei panini al sesamo,(puoi trovare le ricette sempre nel mio blog o nel mio canale YouTube) pane di circa 200 grammi con la crosta ricoperta di semi di sesamo (a Palermo detto “cimino, gigiolena o giuggiulena“). Sono spesso consumate assieme alle “crocchè” delle quali troverete prossimamente laricetta sul mio blog, (dal francese “croquette”, crocchette di patate) o con altre specialità fritte in pastella, e condite a piacere con sale, pepe e limone.

Le panelle rappresentano il caratteristico spuntino del palermitano: si possono acquistare in moltissimi luoghi della città, in particolare nelle “friggitorie“, anche ambulanti, presenti nelle strade di Palermo.

Panelle palermitane

Ingredienti per 8 persone

  • 500 g di farina di ceci
  • 1500 ml di acqua a temperatura ambiente
  • Sale e pepe q. B.
  • Prezzemolo tritato a piacere 15 g
  • 1, 5 l di olio di semi di girasole per friggere

Il procedimento lo trovi spiegato passo dopo passo nella video ricetta qui sotto

👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇👇

scrivimi una mail